Xiaomi Mi 10T Pro Recensione Fotocamera e Videocamera | Un Bokeh Incredibile

Con un sensore da 108Mpx ed apertura F1.69 il Mi 10T Pro garantisce un bokeh naturale incredibile. Gli scatti in RAW ed i video in 8K mostrano l'altissima qualità di questa fotocamera.

Xiaomi Mi 10T Pro

Prima di inoltrarci nei test ne approfitto per ringraziare lo staff dei Mi Corner per avermi mandato il Mi10T Pro per provarlo.
Il Mi 10T Pro è un top di gamma di Xiaomi uscito il 15 ottobre 2020 in Italia. Ha caratteristiche molto simili al Mi 10 fra cui il sensore fotografico principale.

La recensione tratterà solo gli aspetti legati alle foto ed ai video del Mi 10T Pro.

Scheda Tecnica


Foto

Questo top di gamma di Xiaomi è dotato di 4 fotocamere:

  • Fotocamera frontale da 20mpx con sensore Samsung S5K3T2 ed apertura F2.2.
  • Fotocamera Macro da 5MP Samsung S5K5E9 con apertura di F2.4 (Sensore 1/5″)
  • Fotocamera Grandangolare da 13mpx Omnivision OV13B10 F2.4 equivalente a 13mm (123°)(Sensore 1/3.06″)
  • Fotocamera Principale con sensore stabilizzato Samsung Bright S5KHMX da 108mpx F1.69 equivalente a 26mm (Sensore 1/1.33″)

L’applicazione fotocamera è molto intuitiva ed è la classica a cui ci ha abituati xiaomi.
Possiamo quindi scegliere con facilità la fotocamera che vogliamo utilizzare.

Andando nella modalità Pro avremo tante impostazioni fra cui:

  • La scelta della fotocamera
  • Cambio di ISO
  • Tempo di scatto
  • Bilanciamento del bianco
  • Scatto in RAW (macro, ultra wide e fotocamera principale)

Analisi delle foto

Sensore da 108Mpx


Foto
Foto RAW (27Mpx) del sensore da 108Mpx

L’ottica con cui scatteremo le foto principalmente è chiaramente il sensore da 108mpx che sfrutta la tecnologia del pixel binning, infatti farà in modo che 4 pixel compongano un pixel più grande, per avere anche una maggiore qualità negli scatti notturni. 

La cosa che risalta subito all’occhio è il bokeh naturale che personalmente mi piace molto dato che stiamo parlando pur sempre di uno smartphone.

Quando andremo a scattare le foto automaticamente il mi10t pro scatterà a 25mpx, se invece vogliamo sfruttare i 108mpx dovremo andare nella modalità apposita.
Se vediamo un confronto fra la classica foto e quella a 108mpx vedremo che effettivamente avremo più dettagli ma non sarà 4 volte più definita(vedi la video recensione ad inizio articolo).

Se poi però andiamo a vedere i file raw noteremo come hanno una qualità notevolmente più alta perchè effettivamente non sono stati compressi dallo smartphone.
Inoltre in post produzione editando il file raw avremo un enorme vantaggio.
Qui sotto possiamo vedere come la foto a 108Mpx abbia una serie di filtri applicati facendoci perdere molti dettagli. Guardate ad esempio i capelli, i dettagli sono molto superiori nella foto in RAW e così come i dettagli della pelle e dei vestiti.


Foto

Sensore grandangolare da 13Mpx


Foto
Ultra Wide
Dall’app è possibile switchare alla fotocamera ultra grandangolare che ci permetterà di catturare un campo visivo ancora più ampio.
Può essere l’ideale per scattare ad esempio delle foto a degli edifici a distanza ravvicinata.

Se la paragoniamo alla fotocamera principale noteremo tante differenze qualitative ma anche in questo caso se scatteremo in raw avremo una qualità maggiore rispetto al classico file jpg, ma mi sono accorto che i file raw di questa fotocamera da 13mpx hanno bisogno di un’adeguata post produzione infatti mi sono ritrovato spesso ad avere una tonalità che va sul magenta. Chiaramente con un click di camera raw si risolve ma comunque è un fattore da tenere in considerazione(vedi la video recensione ad inizio articolo).


Foto
Ultra Wide

Sensore Macro da 5mpx


Foto
Macro
Cliccando poi nel menù e poi sul fiore attiveremo la fotocamera macro da 5mpx che ci permetterà di fare foto a distanza molto ravvicinata fino a 2cm .Chiaramente la qualità è inferiore rispetto alle precedenti fotocamere però è possibile entrare nel mondo macro scoprendo tantissimi dettagli nel mondo che ci circonda.

Fotocamera Frontale


Foto
Aggiunta di contrasto nella foto “selfie”
La fotocamera frontale sfrutta pure il pixel binning con il suo sensore da 20mpx.
I risultati finali sono soddisfacenti, soprattutto se anche con una semplice app aggiungerete un filo di contrasto e saturazione alla vostra foto(come la foto qui sopra). Ma a prescindere dallo smartphone che utilizzate non usate la modalità bellezza che come sempre deteriorerà la qualità d’immagine e renderà il nostro volto fake oserei dire.

Modalità Ritratto


Foto
Ritratto
Naturalmente non poteva mancare la modalità ritratto che andrà a sfocare digitalmente i contorni.
E’ possibile scegliere anche il grado di sfocatura da applicare.

In media so che viene utilizzata molto ma non sono mai stato un fan di questa modalità che simula la sfocatura di un obiettivo.
In ogni caso il risultato mi sembra il classico che si ottiene con i top di gamma di ultima generazione ma vi ricordo che questo sensore da 108mpx può tranquillamente sfocare naturalmente un soggetto se lo fotografate da vicino. Quindi vi esorto a sfruttare l’effetto bokeh naturale.

Modalità Clone


Foto
Modalità Clone
Fra le diverse funzioni smart abbiamo anche la possibilità di clonare una persona all’interno di una foto, il che può risultare divertente. Basterà quindi selezionare l’apposita funzione e far spostare il soggetto di conseguenza.

Analisi dei Video


Foto

Lato video abbiamo la possibilità di girare in varie modalità con le diverse fotocamere:

  • 1080p 30fps Selfie e Macro
  • 4k 30fps Ultra Grandangolare
  • 4k 60fps e 8k 30fps con il sensore principale

La definizione in 8k è realmente superiore al classico video 4k, ma la stabilizzazione sarà minima, per questo consiglio l’uso di questa modalità solo per fare brevi clip da fermi o meglio ancora su un cavalletto.


Foto
Se invece riprenderemo in 4k avremo la possibilità di usufruire dell’ottima stabilizzazione di questo smartphone.
Infatti a mio avviso si rivela un ottimo dispositivo per fare i vlog.

Con la fotocamera principale avremo una visuale più stretta ma una qualità altissima ed anche un bellissimo bokeh naturale.
Con l’ultragandangolare invece avremo un campo visivo molto ampio ma una qualità inferiore, infatti anche i contrasti ed i colori sono gestiti diversamente.

Nella modalità Pro è possibile attivare la modalità log che ci regalerà un’immagine più flat, ideale quindi per chi fa post produzione. E’ un peccato però che sia limitata solo al 4k 30fps della fotocamera principale.


Foto
Poi possiamo abilitare la stabilizzazione massima ma è disponibile solo in fullhd.
La qualità dell’immagine non è il massimo ma la stabilizzazione mi ha lasciato veramente senza parole. Infatti a mio avviso questa modalità è perfetta per la condivisione di video sui social.
Sembra proprio di avere uno stabilizzatore.

Per quanto riguarda gli slow motion invece possiamo scegliere i 60fps in 4k oppure i 120fps in fullhd. Non ne sono sicuro ma presumo che sia proprio una limitazione di questo sensore che non permette di registrare a framerate maggiori.

La fotocamera frontale invece registra in fullhd30fps ed applica una stabilizzazione che ci permetterà di realizzare dei vlog anche in movimento. Ma data la risoluzione ed il campo visivo un pò stretto consiglierei sempre di utilizzare la fotocamera posteriore per questo tipo di video.

La differenza fra Fullhd, il 4k e l’8k è abissale sia in termini di stabilizzazione che di qualità, infatti dovrete scegliere la modalità adatta in base alle vostre esigenze.

Low light


Foto
Fotocamera selfie in low light
Passando invece al tallone d’achille di ogni sensore fotografico, ovvero le condizioni in scarsa luminosità, possiamo notare come la fotocamera anteriore ha grosse difficoltà a regalarci un’immagine di qualità, infatti ha bisogno di molta luce per scattare una foto. A maggior ragione in modalità video.

Passando invece alla fotocamera principale sono rimasto piacevolmente colpito dagli scatti ottenuti.

Anche in questo caso il file raw avrà molti più dettagli ma ci sarà molto rumore e quindi dovrete passare un pò di tempo ad applicare diverse correzioni in post produzione. Invece con la modalità notte avremo un file con pochissimo rumore e già pronto all’uso.

Naturalmente se mettete lo smartphone sul cavalletto ed abilitate la modalità pro cambiando il tempo di scatto possiamo ottenere delle bellissime foto.
Infatti vi basterà giocare con i tempi di scatto lasciando l’iso a 100 per avere delle foto prive di rumore e potrete ottenere degli scatti notturni eccellenti.

Foto
Foto su cavalletto in modalità Pro

Ritornando alla modalità notte, se con la fotocamera da 108mpx i risultati sono soddisfacenti con la fotocamera ultra wide sono abbastanza scarsi, infatti vi sconsiglio di utilizzarla in condizioni di scarsa luminosità.

In video con la modalità 4k a mano libera avremo difficoltà con la stabilizzazione che inevitabilmente con poca luce non riesce ad elaborare correttamente il filmato.
La modalità video stabile in 1080p è da bocciare assolutamente.
Invece in 8k possiamo ottenere dei video accettabili, soprattutto se usiamo il famoso cavalletto che vi sto nominando tante volte.

Conclusioni


Foto
Indubbiamente ci sono tanti altri aspetti e test da fare per le fotocamere del Mi 10t Pro ma mi sono focalizzato sugli aspetti che ritengo più importanti.

Onestamente la fotocamera frontale non mi è piaciuta molto, la fotocamera macro da risultati divertenti ed interessanti mentre l’ultra grandangolare dal punto di vista fotografico ha alcune problematiche.
Invece posso dire che sono rimasto piacevolmente colpito dal sistema di stabilizzazione delle fotocamere,dalla qualità dei video in 8k e dal bokeh naturale del sensore principale.

Personalmente utilizzerei la modalità 8k per delle riprese più particolari e preparate, mentre per tutto il resto credo che il 4k della fotocamera principale sia il miglior compromesso sia per la stabilità che per la qualità.
Dal punto di vista fotografico invece la modalità standard e 108mpx vanno più che bene per le classiche foto anche perchè viene automaticamente applicata una correzione e quindi se non siete amanti della post produzione sicuramente sono le modalità per voi.

Ma in modalità raw questo smartphone scatta delle foto incredibili, per un occhio fotografico la differenza è abissale.
Infatti concludendo credo che un utente avanzato che quindi è pratico di fotografia e video rimarrà molto contento del sensore da 108mpx che corredato al processore e alle memorie di questo dispositivo da ottimi risultati.

Vi ricordo che il Mi 10t pro è disponibile nelle versioni 8/128 e 8/256 in tutti i Mi Corner d’Italia.
Il prezzo di listino parte da 599,90€ ma non temete perchè spesso ci sono promozioni e se inserirete ​il coupon AS-VIDEO in fase di checkout avrete uno sconto.


Foto